Pubblicato in: Storie

A proposito di nomi strani – tutto che (non) volevate sapere sul nome Anca

Piacere sono Anca, il mio nome è Anca …presentandomi assumo un’aria un po’ misteriosa come dicessi “Bond, James Bond” per mascherare l’ansia. Ebbene sì, aspetto sempre un po’ con ansia divertita il momento di presentarmi per scoprire l’espressione dell’interlocutore (i suoi occhi diventano grandi grandi dall’incredulità, poi via ad un arcobaleno di reazioni tra il sorpreso-benevolo, commiserevole a quello un pochino schifato con quale raro  sfogo “Anca, ma che razza di nome è, è orribile, hai già pensato di cambiarlo? “. Oppure: “vorresti dire tipo…Anna?” No, solo Anca” rispondo io. E indico la mia anca :)…forse davvero il destino è nel nome visto che le mie anche sono lì belle prominenti (la mia passione per la cucina e i dolci c’entrano poco, ovviamente!:)).

“Vabbè,  cosa significa il nome di Anca”? mi chiedono solitamente. Rullo di tamburi prima di svelarvelo!:) .

Vi confesso, ho cercato in lungo e in largo per trovare l’origine e il significato del mio nome, sperando in qualcosa di  poetico…invano! Non trovando niente, sulle prime fui tentata di inventare qualcosa di fico e metaforico …tipo: sai vuol dire “brezza rinfrescante del mattino”, “luce dorata del tramonto che porta ispirazione” bla bla bla… o “colei che porta gioia”(o meglio “colei che porta la torta”, almeno questo, trattandosi di cibo, metterebbe (quasi) tutti d’accordo… uffina, poi ho rinunciato …se il destino è nel nome allora nel mio caso sono libera di farmelo….Anca dixit.

Immagino che tutti conosciate almeno una persona di nome Anca…che vuoi fare, Anca è un nome popolarissimo tra i romeni…probabilmente negli anni ottanta dilagava una specie di “ virus” che ha colpito almeno una coppia di genitori su 10 portandoli a battezzare così il bambino…”anca virus” senza gravi conseguenze non fosse che a scuola (dall’ asilo all’università) nella classe c’erano sempre almeno 2 Anca (il plurale non è anche , abbiate pietà!) …confusioni e suspense quando il professore chiamava a rispondere Anca .

Se vi state già divertendo col mio nome, aspettate di vedere il cognome: “Draghincescu”….ahiaa! molto …draghesco 🙂 come mi ha fatto notare una lettrice amante del fantasy . E infatti diventa un’impresa se non fantastica almeno epica quando devo firmare per esteso i documenti o fare lo spelling…sembra di non finire mai.

 

Mi chiedo…ma quanto può essere importante il nome di una persona, quanto ci cambia la vita avere un nome particolare, ingombrante che ci fa subito sentire diversi, oppure, al contrario un nome banale …poi ovviamente ci sono i bei nomi, poetici, esotici che ti mettono subito a tuo agio (beati loro!). E voi avete mai avuto qualche esperienza ( buffa, divertente, spiacevole che sia) legata al vostro nome? O avete conosciuto qualcuno dal nome strano, magari sentendo come la lingua, nel pronunciarlo, assume posizioni contorsionistiche mai provate prima?

Magari anche leggendo un romanzo con i nomi dei protagonisti che sembrano uno scioglilingua…e ai libri volevo arrivare .

Il romanzo “L’omonimo” ( (The Namesake)” ha come protagonista Gogol, un giovane immigrato di seconda generazione (i suoi genitori, indiani bengalesi, si trasferiscono negli Stati Uniti) e narra in maniera avvincente le sue difficoltà culturali: come immigrato di seconda generazione vive a metà strada tra la cultura d’origine e quella d’adozione…e il suo strano nome Gogol non gli è certo d’aiuto nel sentirsi completamente a suo agio (oppure è solo una sua percezione, un  pretesto e metafora delle sue avventure?). Un romanzo che parla di immigrati, consigliato a chiunque si sente “lost in translation”…ma anche per chi vuole scoprire di più sulla cultura indiana (nel romanzo sono presentati anche molti usi, costumi e ricette bengalesi). Un bel romanzo di Jhumpa Lahiri, autrice di origini bengalesi nata a Londra e cresciuta negli Stati Uniti, dal 2012 si è trasferita a Roma perchè innamorata dalla lingua italiana …Jhumpa è famosa negli Stati Uniti (ha vinto nel 2010 il prestigioso premio Pulitzer per la narrativa) però io l’ho scoperta con gli articoli scritti sulla rivista “Internazionale”…scritti direttamente in italiano…un fenomeno di donna! Non vedo l’ora di leggere anche gli altri romanzi. Buona lettura anche a voi…accompagnata magari da una tazza di masala chai – tè speziato indiano.

 

“Sei ancora giovane. Libero”disse con un gesto enfatico delle mani. “Fatti un favore. Prima che sia troppo tardi, senza stare a pensarci, molla tutto e gira il mondo più che puoi. Non te ne pentirai. Un giorno sarà troppo tardi.”

“Mio nonno dice sempre che ci sono i libri, per questo” disse Ashoke, cogliendo l’occasione per aprire il libro che aveva in mano. “Viaggiare senza muovere un dito”. (dal libro “L’omonimo”)

 

 

Annunci

Autore:

escursioni, attività& storie a 4 zampe

4 pensieri riguardo “A proposito di nomi strani – tutto che (non) volevate sapere sul nome Anca

    1. Ho letto vari suoi libri , oltre allo stile m’ha colpita la storia personale della scrittrice e il fatto che si è messa a scrivere brevi racconti direttamente in italiano , questo dopo aver vinto vari premi prestigiosi come autrice statunitense. Buone letture e a presto

      Mi piace

  1. Se ti può consolare il mio cognome non lo capisce mai nessuno: o tolgono la D, o la sostituiscono con la B, a volte riescono anche a sbagliare l’accento… Al lavoro poi quando do il mio indirizzo mail devo sempre fare lo spelling! A me Anca in effetti è sembrato un nome un po’ strano, ma non essendo tu italiana non ci ho fatto caso più di tanto!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.